Metriche di Marketing per studi dentistici: le più importanti per una campagna

metriche di marketing studio dentistico

Tra le metriche di marketing per studi dentistici, la Lead Generation è una delle migliori, a patto però che venga pianificata in modo ottimale e poi messa in atto con attenzione. Soltanto così uno studio dentistico può garantirsi un business di successo. 

Continua a leggere l’articolo su Markedonzia per scoprire di più sulla Lead Generation e le metriche di Marketing.

Cos’è la Lead Generation?

Per Lead Generation si intendono tutte le attività di marketing, sia online che offline, mediante le quali le aziende riescono a redigere la lista dei clienti potenziali, ossia quelli che sono interessati ad acquistare un prodotto o servizio da trasformare in clienti effettivi. 

Un processo questo che prende il nome di “funnel di conversione” oppure “funnel di vendita”. Tutti i marketers vengono valutati tramite la Lead Generation. 

L’importante è ricordarsi che la vendita è soltanto l’ultimo step di acquisizione, poiché ci sono prima altri passaggi per gestire la Lead, tutti utili per la conversione. 

Nel paragrafo successivo vedremo quali sono le metriche di marketing. 

Quali sono le metriche di marketing per studi dentistici?

Tra le metriche di marketing per studi dentistici che mostrano profondità e ottime strategie ci sono: 

  • le visite al sito Web: rappresenta in forma numerica quante volte il sito dello studio dentistico è stato visitato oppure la sua landing page. È ovvio che, più sono le visite, più le possibilità di conversione saranno maggiori;
  • impression: è il numero di visualizzazioni delle inserzioni pubblicate che possono essere le Google Ads o le Facebook Ads. Non è un dato univoco, poiché alcune visualizzazioni potrebbero essere state fatte dalla stessa persona;
  • copertura: è il numero di utenti che, almeno una volta, hanno visto le inserzioni dello studio dentistico;
  • lead generation: è il numero di contatti nuovi che sono stati acquisiti;
  • costo per lead: per ottenerlo, bisogna dividere la spesa totale della campagna di marketing per il numero di contatti che sono stati generati. Per fare un esempio, se uno studio dentistico ha speso 200 euro in campagna pubblicitaria, ed è riuscito a generare 40 contatti, il costo per lead è di 5 euro;
  • click-through rate (CTR): è il numero percentuale che indica i potenziali pazienti che hanno cliccato su una CTA o link dentro l’inserzione. Per calcolarlo, bisogna dividere il numero di click per quello di impression x100. Per esempio, se uno studio dentistico ha ottenuto 2000 impression e 100 click, il CTR è del 10%;
  • cost per click (CPC): viene ottenuto dividendo la spesa totale per il numero di click che sono stati ottenuti;
  • frequenza: è mediamente il numero di volte che un potenziale cliente ha visionato l’inserzione;

  • conversion rate: per ottenerlo, bisogna dividere il totale delle conversioni per il totale delle visite al sito Web x100. Di solito, quando un tasso di conversione è del 3% circa, vuol dire che il sito Web è efficace a livello di Lead Generation. 

Le metriche di marketing per studi dentistici elencate in precedenza sono, senza dubbio, quelle più importanti per stabilire come sta procedendo la strategia di marketing, ma ce ne sono altre. 

Il consiglio è di stabilire quali sono quelle più importanti per il business e cercare sempre di tenerle d’occhio, magari facendosi aiutare dal proprio team. 

Approfondisci anche: Google Analytics 4, le metriche base utili per il Dentista

assicurazione odontoiatrica

Assicurazione dentistica, come funziona

Ci sono molti motivi per sottoscrivere un’assicurazione sanitaria, ma la protezione dai costi elevati delle cure odontoiatriche è uno dei più convincenti, dato che le

cosa vogliono veramente i pazienti?

Cosa vogliono veramente i pazienti?

Negli ultimi anni, l’esperienza del paziente è diventata un tema importante per gli operatori sanitari e dunque anche per i dentisti. L’obiettivo è far sentire