Guida sui software per dentisti e i vantaggi dei software in cloud

Guida sui software per dentisti e i vantaggi software cloud

In questa guida puoi trovare tutte le informazioni di base per valutare i software dedicati ai dentisti con salvataggio dei dati in cloud.

Troverai  i tre tipi principali di software a disposizione sul mercato per i dentisti:

  1. i software installati,
  2. i software ibridi,
  3. i software in cloud.

Poi troverai alla fine della guida anche 7 parametri che ti consigliamo per scegliere quale software scegliere per il tuo studio dentistico.

Dentisti: quali software installere

I software installati sono tutti quei programmi che, come si deduce dal nome, vengono fisicamente installati sul computer dello studio dentistico.

Per avere questi software è necessario iniziare l’installazione (di solito inserendo un cd nel computer) e poi impostare la configurazione dei parametri del programma.

Una volta finita la procedura il software si trova fisicamente sul computer dello studio dentistico su cui si è installato.

Se nello studio ci sono più computer utilizzati per accedere al gestionale è necessario procedere con l’installazione su ognuno dei computer in questione.

Software ibridi per dentisti

I software ibridi sono i programmi in cui alcune parti devono essere installate fisicamente sul computer del dentista mentre alcune impostazioni e alcuni dati si trovano in cloud.

Questi programmi si chiamano ibridi proprio perché sono una via di mezzo tra i software installati e quelli totalmente in cloud.

 

Per fare un esempio esemplificativo, un software ibrido può essere un gestionale installato sul computer che salva l’agenda degli appuntamenti online (accessibile da ovunque e in ogni momento).

Software in cloud per dentisti

Con software in cloud si intendono tutti quei programmi che non hanno bisogno di una installazione fisica sul computer ma che, grazie a delle credenziali personalizzate, si utilizzano direttamente online.

Il dentista e l’intero studio dentistico possono accedere al software da qualsiasi computer o altro apparecchio purché abbia una connessione a internet, in cambio del pagamento di un canone periodico.

In questo caso il vantaggio principale è proprio quello di non doversi preoccupare di fare backup dei computer che possono essere cambiati senza perdita di dati.

L’unico modo per perdere i dati inseriti nel gestionale è che la società che fornisce il server e il software abbia dei gusti tecnici.

D’altro canto, lo svantaggio è una possibile maggiore condivisione di dati con la software house e con i motori di ricerca.

7 Parametri per scegliere il Software per lo studio dentistico

Dopo aver visto la guida sui software per dentisti e i vantaggi del software in cloud possiamo dedicarci alla spiegazione dei 7 parametri per scegliere quello che fa per ogni tipo di studio dentistico.

  1. Semplicità.
    Il software scelto deve essere semplice e veloce nell’utilizzo poiché nella maggior parte dei casi, l’operazione da inserire deve essere in tempo reale.
    Il dentista deve scegliere il software dopo averlo provato, in modo sapere se quel determinato programma rende più efficiente la sua gestione dello studio e dei pazienti, indipendentemente da quale tipologia di software si scelga.
  2. Sistema di sicurezza.
    Accertati che la software house e il programma che stai acquistando rispettino gli standard minimi di sicurezza imposti per legge.
    Se poi è possibile avere anche delle tutele in più è ancora meglio.
    I dati del tuo studio e di tutti i tuoi pazienti potrebbero essere oggetto di malintenzionati quindi assicurati controllare questo aspetto.
  3. Il prezzo.
    Informati sui prezzi medi di mercato dei software per i dentisti in modo da assicurarti di non pagare un prezzo troppo alto ma, allo stesso tempo, anche troppo basso fuori mercato.
    Come ben sappiamo ormai, un prezzo troppo basso potrebbe voler dire scarsa qualità e sicurezza.
  4. Facilità di utilizzo per l’intero team.
    Il gestionale che scegli deve essere accessibile e comprensibile da tutte le persone che dovranno utilizzarlo, non soltanto per una persona.
    In questo modo eviterai in futuro che l’impiegato non capisca alcune funzionalità e debba chiedere all’esperto di risolvere.
  5. A norma di legge.
    Sembra banale dirlo, ma il software deve garantire il rispetto delle normativa (soprattutto per quanto riguarda quelle fiscali) ed essere modificabile e aggiornabile per eventuali cambiamenti normativi in futuro.
  6. Automazione.
    Il programma ti dovrebbe aiutare ad essere più veloce e più indipendente da procedure macchinose, quindi più il software è automatizzato e più velocizzerà lo svolgimento della maggior parte dei comandi.
  7. Le funzionalità base e indispensabili.
    Assicurati che il software metta a disposizione alcune delle funzionalità indispensabili per il lavoro nello studio dentistico e nella gestione dei pazienti.
    Alcune delle funzionalità che non possono mancare in un gestionale sono: l’agenda degli appuntamenti, l’anagrafica dei pazienti e la storia clinica di ognuno di questi e la fatturazione. Puoi successivamente cercare o chiedere tutte le altre funzionalità aggiuntive che ti sono comode per migliorare la gestione dei pazienti, ma queste elencate sono quelle che proprio non possono non esserci in un software per dentisti di qualità.

È importante che qualsiasi software per dentisti che si sceglie rispetti i 7 parametri elencati qui sopra, indipendentemente dalla modalità di impostazione del software (se installato, ibrido o in cloud).

Ti potrebbe interessare anche: Servizi cloud per studi dentistici: cosa sono e come sfruttarli per la gestione dello studio dentistico

Cosa fa l'odontotecnico? Le differenze sostanziali con l'odontoiatra

Odontotecnico: cosa fa, differenze con il dentista

ApprofondisciCosa fa l’odontotecnico? Ma soprattutto quali sono le differenze rispetto al dentista odontoiatra? Che lavoro fa l’odontotecnico?Che titolo di studio serve per diventare odontotecnico?Differenze tra

cosa vogliono veramente i pazienti?

Cosa vogliono veramente i pazienti?

Negli ultimi anni, l’esperienza del paziente è diventata un tema importante per gli operatori sanitari e dunque anche per i dentisti. L’obiettivo è far sentire