Vantaggi di uno studio associato per i dentisti

studio dentistico associato

Molti dentisti si chiedono quali vantaggi possono trarre dalla creazione di uno studio dentistico associato.

I benefici di uno studio associato per dentisti sono principalmente vantaggi di tipo fiscale. Tuttavia condividere lo studio con altri medici dentisti permette al dentista di ottenere uno ambiente idoneo alla propria professione da condividere con i propri colleghi, ottenendo in questo modo nuove possibilità di business, una maggiore stabilità economica e un sostegno professionale.

Cos’è uno studio associato per dentisti e come si costituisce

La costituzione di uno studio associato per dentisti è regolamentato dall’articolo 1 della Legge 1815/39.

Secondo questa legge per lo studio dentistico associato vige il contratto associativo verso terzi, ma i dentisti conservano la personalità della prestazione: i dentisti si uniscono in un solo studio ma l’elemento fondamentale è il singolo professionista che mette a disposizione dei pazienti le proprie competenze.

Infatti, in caso della gestione di studio dentistico di tipo associato la responsabilità professionale di una prestazione fornita ad un paziente è sempre da ricondurre al dentista che l’ha fornita.

Lo  studio odontoiatrico associato si può costituire in due modi:

  •   tramite scrittura privata presso un notaio;
  •   con atto pubblico.

In entrambe queste modalità di costituzione i singoli dentisti stabiliscono le regole comprese nel contratto associativo secondo l’articolo 5 del DPR 917/86.

Accanto alla dizione Studio Associato va obbligatoriamente inserito nome, cognome e titolo professionale di ogni professionista che ne fa parte; a questo punto il contratto associativo deve essere comunicato agli ordini professionali competenti.

Una volta scelto il regime societario dello studio dentistico, il team ottiene la capacità giuridica di stabilire contratti obbligatori, sebbene la responsabilità professionale sia riconducibile al singolo associato che ha fornito la prestazione al paziente: il servizio dentistico richiesto dal paziente può essere somministrato solo dal singolo dentista.

Il rapporto professionale è regolamentato dalla lettera d’incarico in cui è stabilita la natura della prestazione richiesta dal paziente.

L’onorario per la prestazione dentistica viene saldato allo studio dentistico associato che costituisce un centro di imputazione di interessi nei confronti di terzi.

Studio associato di dentisti: vantaggi e svantaggi

Costituire una studio associato di dentisti può essere un buon inizio per la carriera di giovani odontoiatri che, grazie al sostegno di professionisti più esperti, può avvalersi di una maggiore stabilità economica.

Per la costituzione di uno studio dentistico associato c’è bisogno di sostenere delle spese abbastanza alte: bisogna avvalersi di un commercialista per l’apertura della partita iva dello studio, vanno considerate le spese per la consulenza di un notaio, oltre che le spese da effettuare per rendere lo studio un luogo sicuro in cui lavorare.

Però, far parte di uno studio associato garantisce alcuni vantaggi, sia a livello economico che a livello professionale:

  •       riuscire ad avere uno studio più grande in condivisione con gli altri medici;
  •       dedurre dai redditi dello studio i costi di automobili;
  •       assumere dipendenti per lo studio dentistico dividendo i costi tra i professionisti  che usufruiscono delle competenze dei collaboratori;
  •       ripartire i costi di campagne ads, con innovative idee di marketing pubblicitario per dentisti ;
  •       dividere i costi dei materiali necessari nello studio (materiale di cancelleria, utenze, ecc…)
  •       garantisce una pluralità di competenze grazie alle conoscenze del singolo professionista;
  •       offre la possibilità di implementare nuovi servizi che facilitano la vita dello studio dentistico associato;
  •       offre la possibilità di fornire prestazioni migliori in modo da aumentare il numero dei pazienti dello studio dentistico

Cosa fa l'odontotecnico? Le differenze sostanziali con l'odontoiatra

Odontotecnico: cosa fa, differenze con il dentista

ApprofondisciCosa fa l’odontotecnico? Ma soprattutto quali sono le differenze rispetto al dentista odontoiatra? Che lavoro fa l’odontotecnico?Che titolo di studio serve per diventare odontotecnico?Differenze tra

cosa vogliono veramente i pazienti?

Cosa vogliono veramente i pazienti?

Negli ultimi anni, l’esperienza del paziente è diventata un tema importante per gli operatori sanitari e dunque anche per i dentisti. L’obiettivo è far sentire